Inaugurato l’aeroporto internazionale di Mactan-Cebu con copertura in legno

20/08/18

L’aeroporto internazionale di Mactan-Cebu, nelle Filippine, è entrato in esercizio. In tutta l’Asia non c’è un altro aeroporto che abbia, come questo, struttura portante e copertura interamente in legno. Prodotte e montate da Rubner Holzbau.

Il nuovo aeroporto delle Filippine, con la sua copertura completamente in legno lamellare, la prima di questo genere in Asia, è entrato in esercizio entro i termini previsti.

L’ampliamento del secondo aeroporto delle Filippine con l’aggiunta di un nuovo terminal di 65.000 m² di superficie, destinato ai voli internazionali verso 23 destinazioni, è stato completato: il 1° luglio 2018 il terminal è stato aperto al traffico passeggeri. L’aeroporto internazionale di Mactan-Cebu è il primo progetto realizzato grazie a una partnership pubblico-privata tra lo Stato delle Filippine e una società di gestione internazionale. L’aeroporto è il secondo delle Filippine per importanza e costituisce la “porta d’ingresso” alle isole della parte sud dell’arcipelago, molto frequentate dai turisti ed economicamente assai floride. Con il nuovo terminal, la capacità dell’aeroporto – ormai tra i più moderni dell’Asia sud-occidentale - raggiungerà i 12 milioni di passeggeri all’anno, oltre il doppio dell’attuale.

Legno batte acciaio

I progettisti di Hong Kong avevano inizialmente scelto l’acciaio per la struttura del Terminal 2, ma alla fine l’idea di offrire agli ospiti in arrivo e in partenza qualcosa di particolare  – accogliere e salutare i visitatori in un ambiente molto speciale, una sorta di villaggio turistico, che rispecchiasse nella leggerezza delle forme architettoniche e dei materiali la gentilezza, l’apertura e il calore propri della cultura filippina – ha fatto cadere la scelta, per motivi estetici, ecologici e tradizionali, sul più sostenibile di tutti i materiali: il legno. Non a caso, nelle Filippine la lavorazione del legno è ampiamente praticata da secoli.

Unico in Asia

Una particolarità della costruzione è che in tutta l’Asia non c’è nessun altro edificio aeroportuale con struttura portante e copertura completamente in legno. Sono stati necessari 4.500 m³ di legno lamellare per realizzare la struttura portante ondulata del tetto a botte, di grande impatto architettonico sia all’esterno che all’interno, alta 15 m e con una campata di 30 m. Le mezze travi ad arco lunghe 23 metri necessarie per realizzarla sono state prefabbricate da Rubner Holzbau nello stabilimento di Ober-Grafendorf, poi trasportate nelle Filippine attraverso il canale Reno-Meno-Danubio e il porto di Anversa e infine montate in soli tre mesi a Lapu-Lapu City, sull’isola di Mactan, sotto la direzione di Rubner Holzbau.

La struttura portante a larga campata del tetto a botte

L’edificio, che si sviluppa su tre piani, consiste in un atrio d’ingresso a tre navate con 48 banchi check-in aumentabili a 74, la più grande area duty free degli aeroporti delle Filippine, un centro termale, ristoranti, bar e molto altro ancora. Le altre ali dell’edificio, che si allineano ai lati della prima e forniscono l’accesso ai gate, completano il tetto ondulato, simbolo dei marosi che si frangono sulle coste di Mactan. Il settore arrivi è posto al piano terra e al secondo piano, il settore partenze al primo piano. In tutto il terminal i materiali naturali la fanno da padroni: ad esempio, sulle pareti degli impianti sanitari, oltre a varie essenze legnose, è stato applicato del muschio italiano, mentre il pavimento in pietra lucida con scintillanti inserti in madreperla vuole richiamare la sabbia delle soleggiate spiagge di Cebu.

Prestazioni convincenti grazie alla struttura di prova testata anticipatamente

Per il consorzio appaltante sono risultate convincenti le dimostrazioni fornite anticipatamente riguardo alle prestazioni della struttura. Infatti, oltre ai progetti di costruzione dettagliati allegati già all’offerta in virtù di un contratto design+build, nello stabilimento di Ober-Grafendorf è stata realizzata prima dell’inizio della produzione vera e propria – come misura atta a instillare fiducia nella competenza e nell’efficienza dell’azienda costruttrice – una struttura di prova costituita da alcuni archi in legno lamellare a grandezza originale che è stata sottoposta a perizia e collaudo dal consorzio stesso.

Alti carichi sismici ed eolici

I principali requisiti a cui la struttura portante doveva rispondere erano riconducibili ai notevoli carichi sismici ed eolici. Nella stagione degli uragani i venti possono raggiungere anche velocità di 200 km/h. "La sfida più importante da affrontare era costituita dalla realizzazione dei giunti chiamati a sopportare i movimenti dell‘edificio in caso di terremoto e dall’ancoraggio delle travi alla struttura in calcestruzzo, in quanto l’irrigidimento termina a 6,5 m di altezza e non ha potuto essere portato fino a terra“, spiega Anton Wanas, direttore responsabile del progetto presso Rubner Holzbau di Ober-Grafendorf. „Oltre alla nostra competenza tecnica, siamo stati in grado di convincere i committenti della nostra capacità di gestire progetti in ambito internazionale al massimo livello, anche sotto l’aspetto legale, commerciale e contrattuale, nel rispetto delle condizioni-quadro applicabili a livello locale”, aggiunge Roman Fritz, direttore di Rubner Holzbau di Ober-Grafendorf. Inoltre, la costruzione è stata realizzata non secondo le norme asiatiche, ma secondo quelle europee, che sono tra le più rigorose al mondo. Per Rubner Holzbau questa è stata la commessa più consistente di tutta la sua storia nel campo delle costruzioni in legno lamellare. 

Grandi strutture in legno sempre più richieste nella realizzazione di infrastrutture

Le grandi strutture in legno stanno registrando un trend fortemente ascendente in ambito internazionale e salgono sempre più nelle preferenze non solo degli architetti che hanno progettato l’aeroporto Mactan-Cebu (IDA, Hong Kong), ma anche di progettisti e committenti di tutto il mondo. Il legno è un materiale che grazie alle proprie caratteristiche naturali, e anche in abbinamento ad altri materiali, è in grado di aprire prospettive totalmente nuove per costruzioni ad alto tasso di efficienza e orientate al futuro.

Costruire con il legno significa costruire rapidamente, con precisione e robustezza, oltre che con risultati estetici eccezionali, a fronte di parametri ecologici ed energetici di assoluto rispetto. Il legno crea un’atmosfera gradevole e rilassata, offre condizioni climatiche ottimali e favorisce un’economia circolare priva di rifiuti. Anche le sue caratteristiche di insonorizzazione e il comportamento al fuoco sono molto ben gestibili, sia nelle abitazioni che negli altri tipi di edifici. In caso di terremoto, le costruzioni in legno lamellare presentano una grande stabilità e sopportano carichi sismici altissimi. In quanto materiale da costruzione rinnovabile, il legno contribuisce indubbiamente in modo sostanziale a far fronte in tutto il mondo a sfide di grande portata quali il cambiamento climatico e il consistente fabbisogno di abitazioni e infrastrutture.

Fatti, dimensioni e quantità

Committente: Consorzio GMR MEGAWIDE Cebu Airport Corporation (GMCAC), Filippine

Architetto: IDA – Integrated Design Association Ltd., Hong Kong

Struttura in legno: Rubner Holzbau, Ober-Grafendorf, Austria

Superficie del terminal: 65.000 m²

Legno lamellare: circa 4.500 m³, in abete rosso

Travi portanti: 800/1.2780 mm

Altezza archi: 15 m sopra il pavimento finito

Luce: 30 m

Inizio montaggio struttura in legno: inizio dicembre 2016