ARCHITECTS TALES: Luca Molinari incontra Cino Zucchi

06/10/21

QUALITY: mercoledì 6 ottobre, ore 17.00

"Qualità" come parola chiave per parlare dell'approccio post-pandemico alla progettazione degli spazi domestici e urbani.

Come ripensare gli spazi che viviamo e cosa significa qualità in architettura nel 2021?

Appuntamento mercoledì 6 ottobre dalle ore 17.00 alla Casa Platform di Milano e in diretta dal canale Instagram di Rubner Haus

La qualità al centro del dibattito architettonico, la qualità degli spazi pubblici come obiettivo dei progetti urbani, il diverso approccio ai progetti urbani e ai progetti su larga scala. E poi, l’architettura intesa come disciplina che diffonde qualità e comunità. Sono i punti chiave dell’incontro organizzato da Rubner, “Quality”, tra l’architetto, accademico e curatore Luca Molinari e l'architetto Cino Zucchi, in diretta sul profilo Instagram di Rubner Haus.

Seguiteci sul canale Instagram di Rubner Haus per non perdere la diretta LIVE:

LIVE Instagram

QUALITY

Luca Molinari incontra Cino Zucchi

CZA Cino Zucchi Architetti, uno dei principali studi europei nel campo dell'architettura, del paesaggio e del design urbano, è alla costante ricerca di nuove soluzioni spaziali nel carattere vario e stratificato dei territori umani contemporanei.

Il suo obiettivo è quello di coniugare innovazione e ricerca con una completezza professionale, capace di rispondere a programmi complessi su qualsiasi scala; avvalendosi delle sue articolate competenze e, quando necessario, di una consolidata rete di consulenti specializzati (ingegneria strutturale e meccanica, traffico, economia, landscape design, grafica, light design).

Lo studio ha progettato e realizzato numerosi edifici commerciali, pubblici, industriali e residenziali, spazi pubblici, piani di recupero e masterplan di aree agricole, industriali e storiche; ha partecipato a numerosi concorsi nazionali e internazionali ed è attivo nel campo dell'interior e dell'exhibition design.

I lavori dello studio sono stati esposti in diverse mostre e pubblicati su riviste italiane e internazionali. Tra i progetti urbanistici dello studio vi sono i masterplan per Keski Pasila a Helsinki (Finlandia), Lugano Nord (Svizzera), le miniere di carbone Ewald a Herten (Germania), e le proposte per aree a Lugano, Andermatt e Ginevra (Svizzera), Herten e Monaco (Germania), Vienna e Salisburgo (Austria), Deventer, Utrecht e Groningen (Olanda), Rennes, Perpignan e Parigi (Francia), Tirana (Albania), San Pietroburgo e Mosca (Russia).

Tra le realizzazioni architettoniche figurano la sede del Gruppo M ad Assago (Milano), la sede Salewa a Bolzano, la sede Lavazza e il Museo Nazionale dell'Automobile a Torino, oltre a complessi residenziali a Milano, Parma, Ancona, Ravenna, Laveno e Bologna. Tra i progetti di landscape design si ricordano via Paride a Cerea, il Parco di S. Donà, la Piazza del Gratosoglio, gli spazi pubblici di Cascina Merlata e l'ingresso del tunnel Vedeggio-Cassarate a Lugano.

Le trasformazioni di CZA delle ex aree industriali dell'ex Junghans a Venezia e dell'ex Alfa Romeo-Portello a Milano in ambienti ad uso misto di successo attraverso l'integrazione di design urbano, open space e architettura sono considerate tra i migliori esempi europei nel loro genere e sono state ampiamente pubblicate in tutto il mondo su riviste e libri e premiate con diversi riconoscimenti.