Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
 

“five themes” - lezione d'architettura e lezione d'arte

Incontro d'architettura a Chienes con Arch. Enrique Sobejano, Nieto Sobejano Arquitectos (Madrid - Berlino)

sponsored by Rubner
Una lezione d'architettura dove l'architetto Prof. Enrique Sobejano racconta i suoi principi di architettura ed i suoi metodi di composizione, nonché delle sue opere, famose, sparse tra Madrid e Berlino. Gli ingredienti del suo “ricettario” architettonico sono essenziali: la luce, il materiale, il paesaggio, la geometria, le coperture, la storia. E sono questi gli ingredienti, nella loro geniale interpretazione ed applicazione, che fanno di un semplice cibo un piatto da grande chef, ovvero che fanno la differenza tra il costruire e l'architettura (quella con l'A maiuscola per intendersi).

Si tratta in fondo di una lezione d'arte. L'architettura, una volta considerata la regina delle arti, non può fare a meno di questo impegno. Ma, a differenza con l'arte, l'architettura comunque deve anche compiere una funzione. Prendiamo come esempio l'elemento luce: è elemento funzionale e utile, ma potrebbe anche diventare un elemento estetico. Si passa dalla semplice funzione dell'illuminazione all'uso raffinato della luce: il filtraggio della luce, la moderazione, la luce di riflesso, la colorazione della luce, la “guida” attraverso la luce, il gioco delle ombre... Cosí come la finestra non é solamente un'apertura per illuminare e arieggiare secondo gli standard igienici di legge, ma é parte integrante della composizione architettonica. Essa non solo modella la luce che entra nell'edificio ma quida anche la prospettiva verso l'esterno.

Njeto Sobejano Arquitectos sono dei grandi maestri nella cosí intesa composizione architettonica. I loro lavori sono stati premiati con degli importanti Premi: 2007 Premio Nacional de Restauración, 2010 Premio Nike del Bund Deutscher Architekten, Premio AGA KHAN 2010, Piranesi Prix de Rome 2011, 2012 Premio European Museum of the Year, 2012 Premio Hannes Meyer, 2015 Membro onorario AIA, e Medaglia ALVAR AALTO.
La giuria, che ha attribuito la medaglia Alvar Aalto, ha commentato: «Il lavoro di Nieto e Sobejano dimostra come il background culturale di un architetto possa ispirare un’architettura dalla forza espressiva e qualità eccezionale»; sottolineando, inoltre, come le opere di Nieto e Sobejano rinnovino la fiducia nella capacità di adattamento dell’architettura occidentale contemporanea, in grado di rispondere alla domanda per la sostenibilità e sensibilità ecologica.

Insomma, una lezione da non perdere, non solo per architetti ma per chiunque interessato a capire la qualità architettonica ovvero l'aspetto artistico in architettura.
Enrique Sobejano (Madrid/Spagna) Architetto dal 1981. Dal 2008 Professore all‘Università delle arti a Berlino (UdK), cattedra “Experimentelles Gestalten und Grundlagen des Entwerfens”. Dal 1986 al 1991 co-director della rivista d‘architettura Arquitectura. Presidente e partecipante di conferenze e giurie internazionali. Socio fondatore di Nieto Sobejano Arquitectos.

Nieto Sobejano Arquitectos fondato nel 1985 da Fuensanta Nieto ed Enrique Sobejano. Le opere più note: Museo Madinat al-Zahra a Córdoba, Museo d'Arte Moritzburg a Halle/Saale, Museo San Telmo a San Sebastián, ampliamento del Johanneum a Graz, Centro per l'Arte Contemporanea a Córdoba.
 
 
Vai alla lista
 
 
 
 
© 2016 Gruppo Rubner | Part. IVA 00647870211 | Impressum | Cookie | Privacy | Sitemap Vai a top